domenica 5 febbraio 2012

Home, Sweet Home!

Julius Shulman - Case Study House 22
Questo week-end, un po' perché sono malaticcia e un po' perché fuori c'è una temperatura polare, lo sto trascorrendo praticamente tutto in casa.
Passare ore e ore tra le mura domestiche, mi ha fatto meditare - piuttosto banalmente - sulla loro importanza. Il posto in cui viviamo è fondamentale. Se lo amiamo, ci corrisponde, e ci fa da rifugio reale e mentale, è una grandissima fortuna. Inutile specificare che da lì al mettermi a pensare alle mie case preferite nei film, il passo è stato brevissimo. La prima che mi è venuta in mente, Montmartre oblige, è stata quella di Amélie Poulain. Che volete farci, praticamente abito dove abitava lei, sono a distanza di circa quattro passi sia dal Café des Deux Moulins che dal fruttivendolo Colignon, quindi concedetemelo. Ad ogni modo, io il suo appartamento lo trovavo adorabile anche prima di vivere qui!


Avendo scelto il poster giapponese di Amélie (non è delizioso?), ho subito pensato a tutte le case dei film giapponesi di Yasujiro Ozu. Praticamente, potrei vivere tutta la vita in una casa qualsiasi di uno qualsiasi dei suoi film.


Certo, avrei fatto carte false anche per vivere nell'appartamento di Maggie Cheung in In the Mood for Love di Wong Kar-Wai (soprattutto nel caso in cui Tony Leung occupasse quello di fianco, come nel film...)


Ma le mie case cinematografiche preferite, lo devo ammettere, sono quelle americane.
Dall'appartamento di Holly Golightly in Breakfast at Tiffany's, a quello scomodissimo ma adorabile di Barefoot in the Park, a TUTTE le case dei film di Woody Allen (menzione speciale per quella di September), a quella meravigliosa con finestra sul cortile (e che cortile!) in Rear Window di Hitchcock, fino ai sublimi appartamenti anni '50 dei film di Douglas Sirk, di quelli delle commedie con Doris Day e Rock Hudson, per approdare infine a quelli dei protagonisti di Mad Men (il mio preferito resta quello di Pete Campbell e la moglie).
Un appartamento che ho sempre trovato fantastico, soprattutto per la cucina, è quello di Ingrid Bergman in Indiscreet di Stanley Donen. 



Qualche anno fa è uscito un film (a mio avviso molto sottovalutato) che era un omaggio brillante, spiritoso e di gran stile alle commedie Day/Hudson: Down with Love, di Peyton Reed, con due strepitosi Ewan McGregor e Renée Zellweger. Ecco, l'appartamento di lei era abbastanza inarrivabile. Anche quello di lui, devo dire, non era niente male!




Comunque, si sa, c'è sempre un posto che ci piace più di altri. E le ragioni valle a capire. C'è quel qualcosa in più che ci cattura, che ci prende il cuore, che ci fa sospirare, proprio come un vero innamoramento. Se oggi qualcuno mi dicesse: possiamo esaudire il tuo  sogno di andare a vivere in una casa cinematografica, io non avrei un attimo di esitazione. Di tutti i film che ho visto, di tutte le case in cui virtualmente sono stata, ce n'è una per cui ho perso letteralmente la testa. Ed è la casa di Andie MacDowell in Green Card di Peter Weir (un film che, tra l'altro, adoro!). Si trova a New York, all'ultimo piano di un palazzo, e al suo interno c'è una serra. C'è questa scena in cui piove e lei prende un té seduta in cucina, ecco, io ho sempre pensato che in un posto così la felicità sarebbe assicurata!
E voi, cari lettori, in quale casa da film vorreste andare a vivere?




Vi lascio con questa piccola chicca tratta da Down with Love: la doppia versione di Fly me to the Moon cantata da Astrud Gilberto e Frank Sinatra... isn't that lovely?


17 commenti:

  1. La prima casa che mi è venuta in mente, quella fighissima di "The Ghost Writer".

    RispondiElimina
  2. Ah, pensa, io invece manco morta andrei a vivere in quella casa. Mi metteva un'angoscia pazzesca. E la trovavo super fredda... però, bello, ecco, volevo proprio sentire "le case degli altri"...

    RispondiElimina
  3. intanto ti annuncio che la casa di Holly Golightly a New York è in vendita... e non è uno scherzo:
    http://www.repubblica.it/persone/2012/01/30/foto/n_y_in_vendita_la_casa_di_colazione_da_tiffany-29023166/1/
    eppoi la casa in cui vorrei vivere.... mmmhhhh trovato!!!! Quella che acquista Doris Day fuori New York nel film "Please don't eat the daisies". Quella dove David Niven all'inizio non si trova (e va in albergo), ma poi torna.... Che magnifico film, con il tassista-drammaturgo che vuole sfondare nel teatro con una commedia sulla Bibbia....

    RispondiElimina
  4. Presto, facciamo una colletta e compriamo l'appartamento di Holly Golightly!!!! E poi corro a vedere questo film con Doris Day e David Niven... wow!

    RispondiElimina
  5. Zazie, io sarei abbastanza felice a Castle Howard, nello Yorkshire che tu ben conosci, con Romola.

    Naturalmente poi vi inviterei tutti.

    Bisazza

    RispondiElimina
  6. Ciao Zazie, ho letto e mentre leggevo mi è venuta in mente la casa dove vive l'industriale/Funes in "Oscar", chissà se l'hanno lasciata intatta, un vero tempio space-age! Ciao e grazie M

    RispondiElimina
  7. Vabbé, Bisazza, se inviti allora stiamo a posto!

    RispondiElimina
  8. Ciao Marco, ma sai che non conosco la casa di Oscar? Devo subito recuperare il film!

    RispondiElimina
  9. ... la casa di colin firth in a single man! the schaffer residence, in vendita anche lei! 1.495.000$, vicino a LA. anyone?

    RispondiElimina
  10. Oh sì, meravigliosa quella! Ma come in vendita??? Presto, chi ha dei soldi da parte???

    RispondiElimina
  11. http://hookedonhouses.net/2011/01/16/for-sale-the-lautner-house-from-a-single-man/

    era un post del 2011. forse è anche bella che andata. io soldi non ne ho ma nel caso la prenderei solo con colin DENTRO :)

    RispondiElimina
  12. Vabbé, dai, fateci sognare!!!

    RispondiElimina
  13. Zazie, ci piace da morire la nuova veste del blog!
    Le Catré &co

    RispondiElimina
  14. ciao Z, ecco : http://www.youtube.com/watch?v=r12ykB964z8&feature=related

    RispondiElimina
  15. Wow, super sixties!!! J'adore!

    RispondiElimina
  16. la casa con la serra , sì, sì, e ancora sì, è la mia preferita; non la più bella forse, altre sono spettacolari, ma quella che dentro di te desidereresti, potendo sognare... di abitare a N. Y. o ancora meglio, in un film! m.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...